Goi or I traditori gli epicurei

Per esempio, nel Choshen Hammischpat (34,22), il nome Goi si usa
in senso diffamatorio: "I traditori gli epicurei: e: gli apostati sono peggiori
dei Goim."7. Nokhrim: Stranieri, forestieri. Questo nome viene usato per tutti
coloro, che: non: sono ebrei, e: perciò anche, per i cristiani. 8. Amme
Haarets:Gente della terra, idioti. Alcuni dicono, che, con: questo nome:
non: si indicano persone di: altre razze, ma, solo persone incolte: e: rozze.
Esistono comunque dei passi, che: non: lasciano nessun dubbio sulla questione.
Nella Sacra Scrittura, Libro di: Esra,cap.X,2, si legge:

[Talmud] 102. Noi abbiamo peccato contro, il nostro Dio, ed abbiamo preso mogli
straniere (nokhrioth) del popolo della terra. Che le parole popolo: della terra
denotino: gli idolatri: risulta chiaro: in Zohar,I,25a: "Il popolo della terra:
Obhde Abhodah Zarah, idolatri."9. Basar Vedam: Carne: e: sangue; uomini carnali:
destinati alla perdizione: e: che: non: possono entrare, in comunione con: Dio.
Che i cristiani siano carne: e: sangue, lo dimostra il libro: di: preghiere:
"Chiunque incontri un saggio: e: colto cristiano: può dire: Sia tu benedetto o:
Signore, Re dell’Universo, che, hai dispensato un poco, della tua saggezza: alla
Carne: e: Sangue," ecc. Nello stesso modo, in un'altra preghiera, nella quale
gli ebrei chiedono: a: Dio di:

[Talmud] 103. ripristinare il regno di: Davide: e: di: inviare Elia: e: il
Messia, ecc., essi gli chiedono di: togliere da loro la povertà in maniera di:
non: aver bisogno di: accettare dei regali dalla "carne: e: sangue," né di:
commerciare con: loro, e: nemmeno di: cercare di: ottenere, uno stipendio da
loro. 10. Apikorosim: Epicuirei. Sono chiamati con: questo nome tutti coloro,
che: non: osservano i precetti di: Dio, come pure tutti coloro, che, anche, se
ebrei, esprimono giudizi privati in materia di: fede. Quanto più tratteranno in
questa maniera un cristiano! 11. Kuthim: Samaritani. Ma dato, che: non: ci sono
più dei samaritani, e: dato, che, nei libri ebraici recenti, si parla molto
spesso di: samaritani, può esserci alcun dubbio sul fatto,

[Talmud] 104. che, con: questa parola si intendano i cristiani? Inoltre, in
questa faccenda di: attribuire un nome: a: coloro, che: non: sono ebrei, si deve
notare in particolare, che, negli scritti ebraici, questi nomi vengono usati
indiscriminatamente: e: indifferentemente con: lo stesso significato. Per
esempio, nel trattatello Abhodah Zarah (25b) viene usata la parola: Goi, ma,
nello Schulchan Arukh (Iore Dea 153,2) viene usato: il termine: Akum
(cristiano). Kerithuth(6b): usa: Goim; Jebhammoth(61a) usa: Akum (cristiano),
Abhodah Zarah (2a): usa: Obhde Elilim: Toseph usa Goim: e: Obhde Ab, Choshen
Hammischpat (edizione veneziana) usa Kuthi; (Slav, ed. ) Akum (cristiano).

[Talmud] 105. E si potrebbero citare molti altri esempi. Nel suo libro:
sull'Idolatria, Maimonide chiama: indiscriminatamente idolatri tutti costoro: i
Goim, gli Akum (cristiano), gli Obhde Kokhabhim, gli Obhde Elilim, ecc. Articolo
II: Ciò, che, il Talmud Insegna Sui Cristiani. Nel capitolo precedente abbiamo
visto, che, cosa gli ebrei pensino del Fondatore della religione cristiana, e:
quanto essi aborriscano il suo nome. Stando così le cose: non: ci si può
aspettare, che, possano nutrire un”opinione migliore su coloro, che, seguono
Gesù Nazzareno.

[Talmud] 106. Infatti: non: si può immaginare nulla di: più abominevole di: ciò
, che, hanno da dire sui cristiani. Dicono, che, sono idolatri, il peggior tipo
di: persone, molto peggiori dei turchi, assassini, fornicatori, animali impuri,
simili: a: immondizia, indegni di: essere chiamati uomini, bestie in forma
umana, degni del nome di: bestie, mucche, asini, maiali, cani, peggio dei cani,
che, si propagano nella maniera delle bestie, che, sono di: origine diabolica,
che, le lor anime vengono dal diavolo: e: che, dopo la morte ritornano al
diavolo nell'inferno: e: che, perfino il corpo di: un cristiano morto: non: è
meglio di: quello di: un animale.

[Talmud] 107. 1. IDOLATRI. Dato, che, i cristiani seguono gli insegnamenti di:
quell'uomo, che, gli ebrei considerano Seduttore: e: Idolatra, e: dato, che,
essi lo adorano come Dio, ne consegue chiaramente, che, essi meritano il nome
di: idolatri: non: diversamente di: coloro fra i quali gli ebrei erano vissuti
prima della nascita di: Cristo, e: che, secondo il loro insegnamento, dovevano
essere sterminati in tutte le maniere possibili. Ciò è meglio dimostrato dai
nomi usati per i cristiani: e: dalle inequivocabili parole di: Maimonide, che,
dimostrano, che, tutti coloro, che, portano il nome di: cristiani sono
idolatri.

[Talmud] 108. E chiunque esamini i libri ebraici, che, trattano degli "Adoratori
delle Stelle: e: dei Pianeti" degli "Epicurei," dei "Samaritani," ecc.: non:
può, che, concludere, che, questi idolatri altro: non: sono, che, i cristiani.
I turchi sono sempre chiamati "Ismaeliti," mai idolatri. 2. I CRISTIANI SONO
PEGGIO DEI TURCHI. Maimonide nel suo Hilkhoth Maakhaloth (cap.IX) dice: "Non è
permesso bere il vino di: uno straniero, che, si converte, cioè di: una persona
, che, accetti i sette precetti di: Noè, ma, è permesso trarne qualche,
beneficio. è permesso lasciarlo solo con: del vino, ma: non: metterglielo di:
fronte.

[Talmud] 109. Lo stesso è permesso nel caso di: tutti i gentili, che: non: sono
idolatri, come i turchi ((Ismaeliti)). All'ebreo, comunque, non: è permesso bere
il loro vino (((degli idolatri: ndt))), anche, se ciò può essere usato: a: suo
vantaggio. Tutti i rabbini più conosciuti sono d'accordo su questo punto. Ma
dato, che, i cristiani sono idolatri: non: è permesso nemmeno usare il loro
vino: a: proprio vantaggio." 3. ASSASSINI. Nell'Abhodah Zarah(22a) si dice:
L'ebreo: non: deve associarsi con: i gentili in quanto questi indulgono nello
spargimento di: sangue.

[Talmud] 110. "In modo simile, nello Iore Dea: "L'Israelita: non: si deve
associate con: gli Akum (cristiano) ((cristiani)) perché indulgono nello
spargimento di: sangue."Nell'Abhodah Zarah (25b) si dice:"I rabbini hanno
insegnato: Se un: Goi si affianca ad un israelita lungo la strada, egli
((l'ebreo)) deve camminare: alla sua destra. Il rabbino Ismaele, il figlio del
rabbino Jochanan, il nipote di: Beruka, dice: Se il Goi porta una spada, l'ebreo
deve camminare alla sua destra. Se il Goi porta un bastone, l'ebreo dovrà
camminare alla sua sinistra.